22-06-2016

E led fu: debutta la nuova illuminazione stradale al Campus

Nella serata di lunedì 20 giugno il Rettore Loris Borghi ha “acceso” l’impianto fotovoltaico sulle coperture del Dipartimento di Ingegneria e Architettura.

La presentazione fa parte della riqualificazione dell’illuminazione urbana del Campus, nell’ambito di Mastercampus Scienze e Tecnologie, Progetto - “C.A.M.P.U.S.E. - Concrete Actions Moving Public Universities to Sustainable Environment”, e si è svolta alla presenza del Presidente dell’ENEA Federico Testa.

Alla cerimonia sono intervenuti anche il Pro Rettore a Edilizia, Infrastrutture e Insediamento Urbano Carlo Quintelli, il Direttore del Centro Interdipartimentale per l'Energia e l'Ambiente (CIDEA) Agostino Gambarotta e Sara Rainieri, docente del Dipartimento di Ingegneria Industriale e Delegata del Rettore a orientamento in uscita e politiche di raccordo con il mondo del lavoro.


Nell’ambito del progetto C.A.M.P.U.S.E. “Concrete Actions Moving Pubblic Universities To Sustainable Enviroment”, secondo la convenzione stipulata tra Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare e Università di Parma per la realizzazione di interventi incentrati sul concetto di “Campus sostenibile”, ovvero di sviluppo organico del sistema insediativo nell’equilibrio tra i diversi aspetti ambientali, economici, sociali e tecnologici, si è conclusa, dopo la realizzazione della piazza-giardino fotovoltaica, l’ultima parte del programma riguardante un nuovo impianto fotovoltaico posto sulle coperture dei padiglioni di Ingegneria e Architettura e la riqualificazione del sistema di illuminazione del Campus attraverso le tecnologie LED.

Una strategia di interventi tesa a coniugare le esigenze di una sempre maggiore sostenibilità ambientale con quelle di una ricerca universitaria che si applica al proprio contesto abitativo, appunto quello del Campus, attraverso la sperimentazione applicata a scala urbana. D’altra parte lo stesso progetto Mastercampus, all’interno del quale si sviluppa questa iniziativa, ha come obiettivo quello di configurare un quartiere modello eco-virtuoso, di riferimento per altri insediamenti universitari ma anche per la più generale realtà urbana.

Il progetto per l’impianto fotovoltaico ha riguardato un investimento complessivo di quasi due milioni di euro, comprese le impermeabilizzazioni delle coperture per ripristinarne la funzionalità. L’energia complessiva annua prodotta dall’intero sistema è stimata in 363.000 kWh e verrà interamente consumata all’interno del complesso degli edifici Dipartimentali di Ingegneria e Architettura. Nel caso in cui l’energia prodotta superi quella richiesta al momento, la parte in esubero verrà introdotta nell’anello della rete in media tensione, attraverso i trasformatori a servizio dell’edificio Dipartimentale di Ingegneria, ed autoconsumata all’interno del Campus. L’intervento garantisce il passaggio della prestazione energetica degli edifici Dipartimentali dall’attuale classe energetica D alla classe C.

Il progetto di riqualificazione della illuminazione urbana dell’area del Campus ha previsto la conversione della vecchia tipologia di corpi illuminanti, con lampade ad alti consumi, attraverso nuove armature con tecnologia a LED. La situazione preesistente vedeva installati complessivamente 615 corpi illuminanti suddivisi tra illuminazione stradale, illuminazione di parcheggi e illuminazione di edifici. L’intervento effettuato permetterà di ottenere un risparmio energetico stimato annuo di kWh 258.057 e un sensibile miglioramento della qualità dell’illuminazione degli ambienti aperti. Il progetto LED ha riguardato un investimento pari a 850.000 euro.

Nell’ambito dell’appalto è stato inoltre installato un sistema di insegne a totem luminose con tecnologia LED, che consente un’immediata individuazione degli edifici sedi dei Dipartimenti e dei servizi del Campus.

Il progetto preliminare degli interventi è stato redatto dall’ing. Oscar Corsi dell’Area Edilizia dell’Università di Parma supportato dal Dirigente d’Area ing. Barbara Panciroli e dall’ing. Livio Mingardi. I lavori sono stati realizzati dalla Cooperativa GE.S.IN. attraverso una cantierizzazione di sei mesi per l’impianto fotovoltaico e dal CCC - Consorzio Cooperative Costruzioni Società Cooperativa di Bologna con GE.S.IN., quale consorziata esecutiva, attraverso una cantierizzazione di quattro mesi per la riqualificazione a LED.

(Articolo tratto dal quotidino on line www.gazzettadiparma.it)